lunedì 7 giugno 2010

Di vestiti e di cambiamenti improvvisi

Dicevamo che sabato prossimo mia sorella si sposa...sarà un matrimonio di quelli all'antica, che durano tre gini, anche perché cerimonia e festa si terranno nel paese di lui, a un paio d'ore da qui, per cui ci trasferiremo in massa in loco venerdì per tornare domenica.
Io sarò testimone della sposa.


Orbene, ho un vestito, bellissimo e svolazzante, acquistato un mesetto fa dopo un attento studio e una serie di riflessioni moooolto profonde sulla velocità stimata di crescita della panza.
    Suvvia, a 13 settimane la panza si vede poco, basta non prendere una roba attillata.


Mi sbagliavo, ovviamente.
Nonostante mi stia tenendo veramente a stecchetto e non abbia messo su nemmeno un grammo, la panza si vede eccome.
Becco Babu che ogni tanto ci butta un occhio con fare indifferente, ma la sua faccia dice Ammazza oh guarda che melone...non dice niente perché sa benissimo quale potrebbe essere la mia sconsiderata reazione, ma so che lo pensa.
Pure mia mamma mi squadra di continuo: lei è molto meno delicata, e commenta, eccome.


Bene, dieci giorni fa ho estratto lo splendido vestito dall'armadio e l'ho appeso alla finestra dicendo Stasera me lo provo e vedo se mi va ancora...ma certo che mi va ancora!!
E' rimasto appeso lì dieci giorni: sono entrata ed ucita dalla camera ottocento volte facendo finta di non vederlo, evitando perfino di sfiorarlo, facendo la gnorri.


Poi ieri ho capito che non potevo continuare a rimandare e l'ho fatto.
L'ho provato.
Non c'entrano le tette.
Praticamente scappano da tutte le parti e le cuciture gridano pietà.
E ovviamente devo respirare molto piano, tipo malata di tisi, per evitare l'effetto-Hulk.


Ovviamente l'evento mi ha rovinato la giornata e l'intero week end.
Ovviamente mi rendo perfettamente conto che è una reazione esagerata, magari basta un reggiseno in titanio che spiaccichi il davanzale, anche a scapito della funzionalità polmonare.


Ovviamente lo so che se sei incinta a un certo punto la pancia comincia a crescere (ma va?), so che dovrò abituarmi a passare davanti a specchi/vetrine e vedere prima la panza e dopo un po' io, so tutto....ma speravo di avere un po' più di tempo per abituarmi all'idea, insomma a me i cambiamenti repentini fanno paura, mi rendono isterica, mi mettono l'ansia.


Mi sto comportando come una pazza isterica? L'ormone ha (già) definitivamente sconfitto il neurone?

6 commenti:

  1. come ti capisco invece!!! io di matrimoni ne ho tre e tutti a distanza di un mese.. a iniziare da domenica prossima.. e la panza che avanza e le tette che trasbordano non aiutano di certo!! comunque, a parte tutto.... ricordati che devi sopravvivere un giorno intero con il vestito eh?! e respirando pure!!

    RispondiElimina
  2. ciao!!! Sono..atterrata qua da poco, ho leggiucchiato qua e là, e sono contenta di aver letto tanta ironia, ne ho bisogno, sono di 6 settimane, primo figlio a 38 anni, lo volevo, e adesso sono disperata, fra casa da rifare, suoceri troppo vicini,  amici e miei distanti, mi sta prendendo maluccio....ma così maluccio che ho preso 5 kg vomitando, dolori al ventre e alla schiena, cistite e malditesta.Temo orripilata il ritorno delle emorroidi.Ecco, basta che non mi dicano che la gravidanza è taaaanto bella, perchè  io sono taaanto incazzata!!

    RispondiElimina
  3. PS.....l'ho cercato per mesi..quando ho detto: vabbè, ora basta, tanto ci piove dentro casa....zac!!! Ci sono rimasta..no perchè sennò qualcuno mi prende per scema

    RispondiElimina
  4. Il mio ormone ha già sconfitto l'ìunico neurone sano che mi era rimasto da anni di siteria lavorativa...

    RispondiElimina
  5. auguri alla tua sorellina :-) sai che... anche io... no, non mi sposo, ma sono incinta bis ;-) un bacio grande, Erika

    RispondiElimina