lunedì 20 ottobre 2008

Travolta dai sensi di colpa

Sono letteralmente avviluppata in un inestricabile groviglio di sensi di colpa :



  • nei confronti della Princi, perché è così piccola e già la lascio all'asilo.
    Poi si ammala, e mi viene il magone perché non posso stare a casa con lei e devo lasciarla ai nonni.
    Poi si ri-ammala e mi viene l'ansia perché forse non dovevo portarla in piscina, anche se sembrava guarita, e allora è colpa mia se le è tornata la febbre.

  • nei confronti dei Nonni, perché avevo giurato che non li avrei ridotti in schiavitù e invece son due settimane che si occupano della malatina mezza giornata tutti i giorni.

  • nei confronti del PDMF, che lavora come una bestia e torna a casa e spesso e volentieri non c'è una cena decente pronta.
    Perché è stato ammalato e dopo due settimane ancora non sta bene, e io lo so che dovrebbe riposarsi e dormire di più, ma come si fa?
    Perché da mesi vede pochissimo i suoi amici e io so quanto ci tiene, e glielo dico "esci! esci pure" però a lui scoccia lasciarmi sola

  • ancora, nei confronti della Princi perché a volte il sabato o la domenica vorrei lasciarla ai miei e uscire un po' io sola con il PDMF - e a volte lo faccio - ma mi sembra di toglierle qualcosa, e poi quando non c'è mi manca tanto la mia Nana.

    Ieri, il colpo di grazia: ho sclerato perché per due ore nel pomeriggio è stata insopportabile.
    Le ho perfino urlato dietro : poi ho visto aveva la febbre a 38,5°! Mi sarei presa a sberle da sola.


 


 

9 commenti:

  1. Benvenuta nel magico mondo delle mamme umane! Scherzi a parte, non devi sentirti in colpa: tutte le cose che scrivi sono vere, ma non dipendono certo da te. La cosa migliore che tu possa fare è fare un bel respiro e sforzarti di restare in equilibrio! Un abbraccio solidale, Chiara

    RispondiElimina
  2. ti capisco, anche se non sono ancora arrivata alla fase dell'asilo. io pensa che mi sento in colpa anche verso la mia cagnona, che sto sgridandlo più spesso del dovuto e alla quale mi sembra di non dedicare sufficienti attenzioni... Erika

    RispondiElimina
  3. eh...come hai visto succede spesso. e io non ho dettagliato tutto il resto che hai messo tu..

    un abbraccio


    P.S. poi però penso a bimbi molto meno amati e seguiti dei nostri e mi dico che dopotutto non gli è poi andata malissimo

    RispondiElimina
  4. Mando un bacio a questa mamma super che dimostra di essere U MA NA !!! Non sono ancora mamma ma penso sia normale sentirsi così davanti a tutto ciò.

    Ma per far fronte a tutte queste cose senza sensi di colpa e fresca come un bocciolo di rosa dovresti avere un giorno di 48 ore e sei mani come la dea Calì!

    RispondiElimina
  5. e certo..perchè tutte le cope sonotue vero?? maddai..purtroppo è la vita frenetica delle mamme..ma credimi di colpe non ne hai...

    RispondiElimina
  6. avte tutte ragione, ovviamente :-)))

    solo che a volte è un po' dura!!!

    RispondiElimina
  7. Ma.. leggendo di te, di Profumo di Viola, di Erika, non posso fare altro che fare outing anche io..

    RispondiElimina
  8. utente anonimo22 ottobre 2008 12:34

    purtroppo è cosi..ed è difficile conciliare tutto..io ho rinunciato al lavoro quando erano piccoli..poi ho sclerato e ci sono tornata ma anke ora ke sono piu grandi quando ci vado mi guardano come se gli stessi togliendo qualcosa..è maledettamente difficile!Geri

    RispondiElimina
  9. Come ho scritto anche a Giulimommy,essere mamme comporta anche questo a volte.

    E' difficile a farsi,ma cerca di non sentirti in colpa. Non devi. Ti stringo.

    RispondiElimina